Il Sonno disturbato nei bambini può avere conseguenze gravi

Ormai è abbastanza noto come alla domanda su come la mancanza di sonno vada ad inficiare sullo stato d’animo della persona, le risposte più comuni siano “si diventa scontrosi o si prova un senso di annebbiamento”. A quanto pare la mancanza di sonno può portare a conseguenze ben più gravi di irritabilità, difficoltà di concentrazione ed impazienza.

Lo afferma uno studio in associazione con l’Università di Houston:

i bambini che soffrono di sonno insufficiente o disturbato hanno maggiori probabilità di sviluppare depressione e disturbi d’ansia più tardi nella vita.

Nella ricerca si afferma:

In particolare, siamo interessati a capire come i bambini valutino, si esprimano, regolino e ricordino le esperienze emotive, sia quando il sonno è sufficiente sia quando è inadeguato.

La ricercatrice Candice Alfano continua:

Ci concentriamo sull’infanzia, perché simili problemi di ansia, depressione ed abitudini del sonno si sviluppano presto nella vita e possono perdurare per tutta la vita.

Per individuare questi schemi cognitivi, comportamentali e fisiologici, stanno limitando temporaneamente il sonno in 50 bambini in età compresa tra 7 e gli 11 anni.

I loro risultati mostrano che, in presenza di sonno disturbato, non solo la percentuale di emozioni negative sembri aumentare ma addirittura che le esperienze positive vengano intaccate negativamente. Ad esempio, dopo solo due notti di sonno alterato, i bambini trarrebbero meno piacere dalle cose positive, sarebbero meno reattivi e avrebbero meno probabilità di ricordare i dettagli su queste esperienze positive.

Una buona qualità del sonno è fondamentale per il benessere psicologico dei bambini.

I genitori dovrebbero pensare alla qualità del sonno dei loro bambini come una componente essenziale della salute nello stesso modo in cui fanno con la nutrizione, l’ igiene dentale e l’attività fisica. Se il bambino ha problemi a svegliarsi al mattino o ha sonno durante il giorno, il loro riposo notturno è probabilmente insufficiente.

Un recente articolo pubblicato sulla rivista Sleep Medicine scritto sempre da Palmer ed Alfano fornisce la prova che senza un sonno adeguato, le persone sono meno propense a cercare esperienze positive o gratificanti, se richiedono sforzo. Nel corso del tempo, dicono, questi cambiamenti comportamentali potrebbero elevare il rischio di insorgenza di uno stato depressivo ed una complessiva peggiore qualità di vita.

fonti: Cara A. Palmer, Candice A. Alfano. Sleep and emotion regulation: An organizing, integrative review. Sleep Medicine Reviews, 2016; DOI:10.1016/j.smrv.2015.12.006

1 commento

  1. Ottimo articolo, grazie per i consigli 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *