Rimanere amici su Facebook con l’ex?

Sbirciare sul profilo Facebook dell’ EX è saggio?

È risaputo che Facebook ed in generale i Social Networks sono un’arma a doppio taglio nelle relazioni amorose. Se è vero che molte coppie si sono formate proprio grazie a Facebook è anche vero che molte di più si sono sciolte a causa dello stesso.

La tentazione del partner di sbirciare il profilo della propria metà è così forte da diventare un ossessione per alcuni. Uno studio ha dimostrato come  più del 33% delle persone hanno sbirciato il profilo del proprio partner (Marshall, Bejanyan, Di Castro & Lee, 2013).
Tra tradimenti, messaggi ambigui e false credenze districarsi tra i pericoli dei Social Networks è diventato sempre più difficile ai giorni nostri.

Ma cosa dovremmo fare quando ci troviamo davanti al dilemma “Rimanere amici su Facebook quando ci si lascia“?

Avere la possibilità di sorvegliare il proprio ex-partner ha un effetto positivo nell’elaborazione della rottura o peggiora solo la situazione?

Rimanere in contatto con un ex può aiutare ma vediamo come.

Esistono vari modi per rimanere in contatto con i propri ex se il desiderio è di entrambe le parti ma in sintesi possiamo: continuare a rimanere in contatto offline (incontrandosi dal vivo) o lasciare un contatto minimo online (tramite appunto Network).

Con molta probabilità rimanere in contatto solo online è controproducente.

L’essere esposti continuamente alle attività del/la proprio/a Ex, alle sue nuove amicizie e a foto irritanti non solo non migliorerebbe la situazione ma aumenterebbe il tempo di elaborazione della rottura.

Uno studio condotto su 464 partecipanti con un account Facebook e con rotture di relazioni di coppia ha indagato gli effetti del rimanere in contatto con gli ex.

Quali sono stati i risultati?

  1. Contatti Offline
    Maggiore è il contatto vis-à-vis maggiore è la frustrazione ed il tempo di accettazione della rottura.
  2. Sorvegliare il profilo Facebook
    Controllare il profilo del proprio ex è controproducente. C’è una correlazione tra il controllare il profilo Facebook e l’aumento della frustrazione, della rabbia e del desiderio verso il proprio ex.

Cosa vuol dire?

L’esperimento ci dice che entrambe le soluzioni risultano controproducenti per il distacco emotivo dell’ ex-partner ma, se voluto, il rimanere in contatto incontrandosi di tanto in tanto di persona sia una soluzione migliore, poiché non è possibile vedere o seguire giornalmente la vita privata dell’altro.

Al contrario di quanto ci si potesse aspettare però lo stesso studio ha riportato che coloro che rimangono amici su Facebook, nel corso del tempo, provano meno rancore e meno desiderio sessuale verso i propri ex rispetto a coloro che tagliano del tutto i rapporti. Ovviamente ogni storia è diversa e il numero dei partecipanti troppo limitato per avere risultati validi, inoltre con molta probabilità, chi decide di rimanere in contatto su Facebook ha vissuto una rottura di coppia più pacifica rispetto agli altri.

In conclusione, rimanere amici su Facebook può prolungare il dolore ed il tempo necessario a ripartire con una nuova vita relazionale ma al tempo stesso, nel tempo, l’esposizione continua a foto e commenti di altre/i sul profile dell’ex aiuterebbe l’inibizione del desiderio verso l’ex ed ad una migliore relazione futura.

 

 

Fonti:
Chaulk, K. & Jones, T. (2011) ‘Online obsessive relational intrusion: further concerns about Facebook’. Journal of Family Violence, 26, 245–254.
Marshall (2012) ‘Facebook surveillance of former romantic partners: associations with postbreakup recovery and personal growth’. Cyberpsychology, Behaviour and Social Networking, 15(10) 521-526.
Marshall, T. C., Bejanyan, K., Di Castro, G. & Lee, R. A. (2013) ‘Attachment styles as predictors of Facebook-related jealousy and surveillance in romantic relationships’. Personal Relationships, 20, 1–22.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *